Foodphoto Festival, in Danimarca il top del cibo fotografato

La cittadina di Vajle invasa da centinaia di fotografi appassionati del cibo da immortalare. Immagini dal più grande appuntamento per scatti gastronomici

È l’unica rassegna interamente dedicata alla food photography. Centinaia di fotografi da 20 Paesi si raccoglieranno dal 22 al 25 ottobre – ma le esibizioni rimarranno aperte fino al 4 novembre – a Vejle, nella penisola dello Jutland, in Danimarca. Si chiama Foodphoto Festival ed è la più ampia e importante manifestazione internazionale per la fotografia contemporanea che ruota intorno al cibo e ai suoi sfaccettati tentacoli tematici: come e chi lo produce, come e chi lo distribuisce, come e chi ne fruisce.

Mariano Herrera

Mariano Herrera

Il programma

D’altronde, immagini di questo genere popolano ormai quotidianamente i nostri occhi. Sono il nuovo feticcio della pubblicità, che sfrutta ormai il cibo come veicolo di ogni valore, ma anche entità onnipresenti sui social network, dove tutti siamo un po’ inclini al fascino del foodporn. Ecco perché, a parte le mostre di alcuni artisti selezionati, molti altri fotografi terranno workshop e lezioni per blogger e fotografi amatoriali o semiprofessionisti. Se da una parte alcuni eventi sono riservati agli addetti ai lavori, dall’altra il festival è ovviamente aperto al pubblico. È il caso delle varie sessioni di Foodphoto on Stage al Music Theater di Vejle, tutte gratuite.

Davide Luciano

Davide Luciano

 

Gli artisti

Fra gli altri artisti coinvolti ci saranno Per-Anders Jörgensen di Fool Magazine, Heidi e Hans-Jürgen Koch dalla Germania e lo statunitense Corey Arnold, di base a Portland, in Oregon, che sfrutta i suoi due lavori (pescatore e fotografo) per confezionare scatti strepitosi. Basti scorrere le immagini realizzate nel corso delle uscite nel Mare di Bering, alle porte del Mar Glaciale Artico, per tostissime battute di pesca a temperature impossibili.

David Japi

David Japi

Le mostre

Saranno una ventina le esibizioni, diffuse in diversi luoghi della cittadina danese come il museo Spinderihallerne, mentre workshop e altre lezioni da due-tre ore saranno organizzate in ristoranti (come la Boiler House) e studi. Durante la rassegna, fondata e diretta dal fotografo Günter Beer, spazio anche a un programma intensivo di brevi conferenze da un’ora, gratuite per chi ha pagato il biglietto del festival, su temi come il multimedia storytelling o l’importanza del portfolio professionale – ci sarà anche la possibilità di farlo analizzare e avere consigli da professionisti – fino al self-marketing sui social media.

Signe Birck

Signe Birck

 

Corey Arnold

Corey Arnold

Ti potrebbe interessare anche

Contare le calorie di un piatto con una foto, ecco il progetto di Google

Im2Calories, questo il nome del progetto sperimentale del gigante californiano per un sistema di intelligenza artificiale capace di stimare le calorie di un piatto semplicemente con uno scatto

Foodporn: perché le foto dei piatti sono sempre dall’alto

Fotografare un piatto da una prospettiva aerea ha a che fare con le nostre insicurezze, ci fa sentire degli dei e non se lo sono certo inventati gli hipster su instagram

Germania, quando il foodporn finisce fuorilegge

Tornano a galla le implicazioni di una sentenza sul copyright della Corte federale tedesca: per un piatto particolarmente elaborato occorrerebbe il via libera dell’autore. Morte della foto compulsiva al ristorante? Non proprio

Instagram e l’alta cucina, una storia d’amore e odio

Non solo un canale di promozione: tentare di controllare ogni passaggio nella viralità del social network di photosharing sta diventando una sfida per (quasi) tutti gli chef, specie i più celebri. Perché una foto sbagliata può ferire più di una recensione negativa

Creabilis (Ivrea/Kent) venduta per 150 milioni al colosso americano Sienna Biopharmaceuticals

La startup ha sede nel Kent (contea UK) ma il processo di ricerca e di sviluppo del prodotto è tutto made in Italy. Ha sviluppato un sistema in grado di localizzare l’effetto dei farmaci dermatologici a livello della pelle

Il rino-robot per proteggere i rinoceronti dal bracconaggio. Ramakera

Ramakera è un robot con le sembianze di un rinoceronte, in grado di monitorare e proteggere il gruppo di animali in cui si trova. Una possibile misura contro il bracconaggio che, a causa dei corni, sta spingendo questo animale verso una rapida estinzione.

A colloquio con la spia che adesso protegge le aziende. Intervista a Dave Palmer (Darktrace)

L’azienda ha sviluppato un approccio alla cyber-defense che mima il comportamento del sistema immunitario umano di fronte alle minacce virali. Il suo CTO, Dave Palmer, ha lavorato con il MI5