La cucina tech/2. Dalle ricette alla scelta del vino giusto, le app che ci fanno diventare chef

Imparare le tecniche di base, preparare un’ottima cena con i cibi rimasti nel figo o indovinare il piatto giusto per l’amico vegano. Le applicazioni che ci aiutano a cucinare sono davvero tante. Ecco le migliori

Smartphone e tablet possono diventare preziosi alleati in cucina. Se la tecnologia può aiutare gli “aspiranti chef” con apparecchi ed elettrodomestici super tecnologici (e spesso anche un po’ costosi) le app ci possono guidare e consigliare sul da farsi. Per la serie: minima spesa, massima resa. Ma quali sono le migliori? E in cosa ci aiutano?

App Giallo Zafferano

Giallo-Zafferano

Partiamo dal classico. Quella di Giallo Zafferano è un’app di cucina a tutto tondo. Oltre 2500 ricette e videoricette di GialloZafferano, il più autorevole e seguito portale italiano di cucina, a portata di smartphone in cucina e al supermercato. Puoi cucinarle, commentale e condividile su tutti i social network. Offre Idee e suggerimenti, una nuova ricetta al giorno, su iPad, un menu intero per ogni giorno della settimana! Permette di salavare le ricette preferite e aiuta a preparare la lista della spesa in base a quello che vuoi cucinare.

Ricette al contrario

ricette-al-contrario_179021.630x360

Non hai tempo per far la spesa e devi preparare la cena con quello che trovi in frigo? Ti aiuta Ricette al contrario con quasi 9.000 suggerimenti, tra primi e secondi. Come funziona? Riempi la dispensa virtuale con gli ingredienti principali che hai in casa (nelle preferenze è possibile impostare gli ingredienti base che hai sempre in casa per non doverli inserire ogni volta). Poi scorri la lista delle ricette trovate che sono “compatibili” con gli ingredienti presenti nella tua dispensa. Scegli e inizia a cucinare!

Evernote food

evernote-food_explore

In pochi click consente contemporaneamente di tenere traccia testuale e fotografica delle ricette preferite, cercarne di nuove sul Web e condividerle sui social network. Tiene traccia di pasti, ricette preferite, e consente di creare il tuo libro di cucina con le ricette che ami di più. Non solo: con i nuovi aggiornamenti consente anche di individuare i ristoranti più vicini.

iPasta Barilla

barilla

Cena di compleanno? Pranzo per bambini? iPasta trova il primo giusto (rigorosamente a base di pasta) da cucinare in ogni occasione. In base al tipo di evento (Cena fredda, buffet, compleanno etc.), difficoltà e tempo impiegato per realizzare il piatto. Un altro parametro di ricerca fornito riguarda il tipo di pasta e gli ingredienti a disposizione. Presenta anche una sezione di ricette regionali e integra strumenti come timer o dosa spaghetti.

Mister Spaghetti

mrspaghetti

Da buoni italiani ancora la pasta è protagonista di questa app. Si tratta di un reale assistente alla preparazione di vari tipi di pasta che si avvale di un ottimo sistema riguardo votazioni e commenti. Permette la selezione di molteplici strumenti offline, comprese una sezione di videoricette che sfruttano l’integrazione con youtube. Non solo: si può sincronizzare con gmail per mantenere preferiti e voti su qualunque terminale Android.

ICucinare

cucina

Le app iCucinare sono tantissime, per ogni gusto: dalla cinese, alla giapponese, passando per il barbecue e le insalate. iCucinare offre ricette e suggerimenti a portata di smartphone su ogni tipo di cucina verticale. Eccole tutte: Antipasti, Barbecue, Cucina Cinese, Cucina Francese, Cucina Giapponese, Cucina Greca, Cucina Indiana, Cucina Italiana, Cucina Marocchina, Cucina Messicana, Cucina Spagnola, Cucina Vegetariana, Dolci, Insalate, Pane, Piccoli Chefs, Slow Cooker, Torte e Crostate, Zuppe.

Mysommelier

mysommelier

Un ottimo chef non può non essere affiancato da un bravo somellier e un buon piatto deve essere accompagnato dal giusto vino. Per questo c’è Mysommelier, app che suggerisce il vino perfetto per accompagnare il piatto che si porta in tavola. Ha codificato 3mila piatti della cucina tradizionale Italiana, e inserito i vini delle cantine che hanno aderito al progetto (a oggi 200 produttori per circa 1500 etichette). Un algoritmo, studiato con l’Associazione della Sommellerie Professionale, riesce in automatico ad abbinare un vino a un piatto grazie alle percezioni organolettiche individuate.

Cucina mancina

Viene a cena l’amica vegetariana? O l’amichetto del figlio che è celiaco? Ad aiutarti in cucina c’è la app di Cucina Mancina, Ricettario multi filtro, store & restaurant locator, per “mancini alimentari”, tutti coloro che hanno bisogni alimentari diversi, per scelta o per necessità.

Ti potrebbe interessare anche

La cucina tech/1. Dal forno che fa da solo al frullatore cordless, gli aiutanti smart che ci fanno diventare chef

Cuocere a bassa temperatura come Massimo Bottura o creare soffici spume alla maniera di Ferran Adrià? Proviamoci. Ad aiutarci è una serie di nuovi elettrodomestici intelligenti.

15 cibi che vi faranno eliminare lo stress (secondo Forbes)

In un libro tutte le proprietà degli alimenti più strani – ma buoni – da inserire nella vostra dieta quotidiana. Come le noci del Brasile che…

A Foggia un ristorante in cui nonni e studenti cucinano fianco a fianco

La fondatrice di Fourquette ci racconta come è nato questo progetto di ristorazione alternativa dove anziani e studenti si incontrano per cucinare piatti della tradizione locale

Allevare insetti commestibili in cucina? Si può, grazie a Kitchen Insect Farm

Una fonte incredibile di proteine sempre a portata di mano. Questa macchina consentirebbe di ridurre il consumo di carne eliminando i preconcetti legati all’entomofagia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia