Volete un pollice verde? Ecco le app per coltivare l’orto

Controllare il proprio orto, irrigarlo, salvarlo dai parassiti: il vostro smartphone potrebbe diventare il vostro contadino preferito. Grazie a queste app.

“Braccia tolte all’agricoltura” è un vecchio modo snob di schernire chi non è adatto a certi ruoli di responsabilità e farebbe meglio, con le cautele del caso, a lavorare la terra. Buone notizie: se non tutte le braccia, perlomeno le loro appendici estreme, i pollici, potrebbero tornare davvero a coltivare il terreno. Sono sempre di più infatti le app che permettono di gestire orti e giardini in ogni loro aspetto.

L’orto a distanza

ortomanager

Per i più pigri c’è Orto Manager: attraverso la piattaforma dei pugliesi Vincenzo Dell’Olio e Antonio Turchiarelli gli utenti possono scegliere quali e quante verdure far coltivare alle aziende scelte e in quale “modalità” riceverle, senza costi ulteriori di intermediazione. Dall’altro lato dello schermo ci sono contadini “veri” che, nelle pause che il lavoro manuale concede loro, aggiornano i clienti sullo stato dei loro ordini tramite una pagina apposita interna al sito con foto, testi e video. Dopo quasi tre anni la loro piattaforma conta un migliaio di pollici “attivi” e soprattutto verdi, a fronte di una decina di aziende coinvolte tra Puglia, Lombardia, Marche e Sicilia.

B1v5ToVIMAA9jCA

Simile servizio lo propone un’altra app, Coltiverra: in questo caso le terre affittate “in comodato d’uso” degli utenti appartengono tutte all’azienda agricola calabrese Favella, che dispone di serre tecnologiche e quasi personalizzabili. Chi si registra al servizio sceglie l’ampiezza del suo orto e le colture da seminare, le monitora con una webcam, sceglie, con la consulenza online degli agronomi locali, i fertilizzanti e la modalità d’irrigazione. A maturazione avvenuta, gli utenti possono decidere se riceverli a casa o rivenderli a Coltiverra, in cambio di crediti spendibili per nuove attività sulla piattaforma.

Un consulente a portata di mano

pollice verde

Chi volesse iniziare invece a coltivare in prima persona il proprio orto, ma non ha mai preso in mano vanga e zappa, può contare invece su Pollice Verde. Si tratta di un prezioso consigliere digitale che, grazie a un vasto database contenente schede dettagliate di più di sessanta specie vegetali, è in grado di suggerire il miglior periodo per la semina e le attenzioni speciali da riservare a ogni coltivazione.

green compass

Altro pregiato consulente è Garden Compass Plant. Specializzato parassiti e insetti, fornisce indispensabili consigli per difendersi dai loro attacchi, debellarli e scoprirne caratteristiche e i punti deboli. Se vi trovate di fronte a specie sconosciute niente paura: basta scattare una foto e inviarla all’app. In breve tempo un esperto indentificherà per voi l’ospite sgradito, insegnadovi come sconfiggerlo e prevenirne gli attacchi, in futuro.

L’agricoltore digitale

flowerium

Se invece preferite la rassicurante prevedibilità di un software alle imprescindibili bizze climatiche e alle incertezze del coltivare un orto o un giardino reali, per voi c’è Flowerium. Disponibile al momento solo per dispositivi Apple, permette di fare crescere il proprio angolo di verde all’interno del dispositivo stesso. Al primo avvio infatti dei piccoli semi cadranno nel nostro schermo, accompagnati da una colonna sonora estremamente rasserenante che, insieme a noi, seguirà l’evolversi delle piantine. I fiori potranno poi essere comodamente colti e assemblati in mazzi e composizioni da fotografare e “regalare” agli amici su Twitter e i principali social.

Ti potrebbe interessare anche

AstroGro porta l’orto nello spazio, grazie alla stampa 3D

Una serra modulare stampata in 3D per la produzione di cibo in orbita, con un sistema d’irrigazione che ricicla l’acqua di scarico prodotta a bordo. Siamo di fronte a una rivoluzione per l’alimentazione degli astronauti?

A soli nove anni coltiva frutta e verdura per i senzatetto

La missione di Hailey inizia a quattro anni quando convince la mamma a comprare un panino a un clochard. Da allora si dedica agli altri, costruendo case e coltivando un orto che produce 100 kg di cibo per i bisognosi

Agribeauty, la nuova cosmesi si fa con gli scarti di frutta e verdura

Bucce di pomodoro e scarti di mela: l’industria dei prodotti di bellezza cambia rotta portando i suoi laboratori direttamente nell’orto

Agritools, la mappa dell’innovazione agricola in Africa

Una piattaforma fra ricerca e giornalismo racconta le storie di startup, incubatori e tech hub del continente. Ne esce il panorama delle realtà concentrate nello sviluppo di soluzioni che migliorino il settore primario

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)