Borse in pelle di frutta realizzate con gli scarti delle albicocche

Un gruppo di ragazzi olandesi raccoglie ortaggi marci al mercato e li trasforma in un innovativo materiale che può essere utilizzato per creare vestiti e oggetti di design

Se già state pensando di acquistare con i saldi una pochette in eco-pelle, vernice o in finta nappa lasciate perdere: la borsa della prossima stagione sarà in pelle di frutta realizzata con il recupero la trasformazione di bucce di albicocche, mele e arance non più utilizzabili. L’idea è venuta a un gruppo di studenti, designer e ricercatori della Willem de Kooning Academie di Rotterdam che hanno creato un innovativo materiale di origine vegetale, perfetto per stilisti che vogliano disegnare borsette, portafogli e zaini in stile decisamente green e anti-speco.

pelle

Il progetto nato da un manuale di gastronomia

Per mesi, tutti i martedì e i sabati, i ragazzi del team nato nella città con il più grande porto d’Europa, sono andati nei mercati della città e hanno ritirato bucce di frutta e verdura marcia, ammaccata. Ogni giorno hanno raccolto oltre 3500 kg di frutta già pronta per la discarica. Poi hanno pensato a come ricavare da questi scarti un materiale resistente e impermeabile. La soluzione è venuta studiando un manuale di gastronomia. Schiacciando e cucinando la frutta con la stessa tecnica che gli chef utilizzano per la preparazione di speciali “fogli” commestibili utilizzati per la decorazione dei piatti, sono riusciti a sviluppare un composto flessibile che hanno chiamato Fruit leather Da questo materiale i ragazzi hanno creato una borsetta: un prototipo che mostra tutte le potenzialità di un prodotto versatile e adatto a più esigenze.

pelle frutta

Pelle di frutta sulle passerelle

La speranza del team di Fruit Leather, oltre a quella di riuscire a portare le loro borse sulle passerelle di Milano e Parigi, è quella di creare consapevolezza sul problema dei rifiuti alimentari e dimostrare che il cibo può essere riutilizzato anche quando non è più mangiabile. Ad oggi il loro obiettivo è quello di collaborare con aziende e case di moda che vogliano utilizzare la loro “pelle di frutta” per realizzare prodotti originali, creativi e in armonia con la natura.

  • Manuela Ounɹq Shanti

    sarebbe bello conoscere la procedura …

    • Gaia Segattini

      basta cliccare sul sito, c’è una descrizione generica del processo.

Ti potrebbe interessare anche

Dall’app per ridurre gli sprechi all’isolante nato dal riso. Le cinque startup di Alimenta2Talent

Agricoltura 2.0, attenzione alle diversità alimentari e narrazione legata al cibo. Questi alcuni dei temi delle startup selezionate da Alimenta2Talent. Conosciamole meglio

Il ristorante a scarto zero che combatte lo spreco alimentare

Scarti del pesce, bucce di frutta e verdura, semi e piccioli. Lo chef di Èvviva non butta via niente e racconta quanto sia facile, e gustoso, cucinare senza sprechi.

Insetti per ridurre lo spreco alimentare, premiata l’idea di una startup italiana

Produrre mangimi a partire dagli insetti e realizzare una piattaforma on line per risolvere il problema degli sprechi alimentari. Sono questi gli obiettivi dei progetti Diptera e CibiAMOci, vincitrici del concorso di Altran Italia

La startup contro lo spreco che ti fa risparmiare sulla spesa

Tutto iniziò con un’infornata di croissant che rischiavano di essere buttati. Oggi, Last Minute Sotto Casa conta più di 25mila iscritti in Italia

Creabilis (Ivrea/Kent) venduta per 150 milioni al colosso americano Sienna Biopharmaceuticals

La startup ha sede nel Kent (contea UK) ma il processo di ricerca e di sviluppo del prodotto è tutto made in Italy. Ha sviluppato un sistema in grado di localizzare l’effetto dei farmaci dermatologici a livello della pelle

Il rino-robot per proteggere i rinoceronti dal bracconaggio. Ramakera

Ramakera è un robot con le sembianze di un rinoceronte, in grado di monitorare e proteggere il gruppo di animali in cui si trova. Una possibile misura contro il bracconaggio che, a causa dei corni, sta spingendo questo animale verso una rapida estinzione.

A colloquio con la spia che adesso protegge le aziende. Intervista a Dave Palmer (Darktrace)

L’azienda ha sviluppato un approccio alla cyber-defense che mima il comportamento del sistema immunitario umano di fronte alle minacce virali. Il suo CTO, Dave Palmer, ha lavorato con il MI5