La febbre del food delivery contagia anche la Cina, Alibaba investe un miliardo di dollari

Il gigante asiatico ha iniziato una collaborazione con Ant Financial, specialista dei pagamenti online, per lanciare Koubei, un servizio di consegna a domicilio. Insieme hanno investito 1 miliardo di dollari e vogliono sbaragliare la concorrenza

Il settore delle consegne a domicilio non è mai stato così in fermento. Dopo le recenti acquisizioni da parte di Just Eat di due startup italiane, i finanziamenti a Delivery Hero e la strategia di espansione di Rocket Internet, anche Alibaba ha deciso di scendere in campo e di buttarsi sul food delivery. 

alibaba

Un miliardo di dollari per sbaragliare la concorrenza

Il gigante asiatico sta collaborando con Ant Financial, specialista nei pagamenti online, per creare Koubei, una piattaforma mobile che collega ristoranti e clienti. Ciascuno ha investito 480milioni di dollari in questa nuova avventura, che comprenderà anche Taodiandian, la piattaforma di distribuzione di Alibaba. Per la compagnia di Jack Ma si tratta di una duplice strategia volta da un lato a entrare a far parte di uno dei mercati più promettenti a livello mondiale, dall’altra a non lasciare alcuno spazio a Tencent, un altro gigante cinese di Internet. A gennaio infatti, il gruppo rivale ha investito 350milioni di dollari in Ele.me (che in cinese significa “hai fame?”), un servizio di consegna a domicilio di Shanghai.

Un settore in espansione

“I servizi locali sono un settore in forte crescita in Cina, dato che la maggior parte dei consumi si svolge ancora offline. Questa unione ci permette di concentrarci esclusivamente sulle opportunità di consumo online con un team dedicato” scrive Alibaba in una nota. “Inoltre, questa joint venture nel food delivery migliorerà le sinergie e farà crescere ulteriormente questo segmento sfruttando l’esperienza di Ant nelle acquisizioni online e la rete di Alipay di commercianti offline.”

Koubei, che in cinese significa “passaparola” è stato un marchio dormiente nell’arsenale di Alibaba, ma ora diventerà la sua arma segreta nella guerra per la conquista del settore alimentare. Il gigante cinese trasferirà la sua piattaforma di ordinazione e consegna dei pasti Taodiandian alla piattaforma Koubei. Il CEO di Koubei Samuel Fan ha commentato: “Consolidare le nostre risorse sotto Koubei ci consente di cogliere le opportunità che navigano sia offline che online. Sfruttando la potenza di commercio mobile e la tecnologia dei dati, Koubei costruirà sinergie tra consumo offline e le offerte online che trasformeranno mercato dei servizi locali in Cina.”

 

 

Ti potrebbe interessare anche

La guerra del food delivery continua: Just Eat compra due startup italiane

Clicca e mangia a Milano e DeliveRex a Roma, queste le startup acquisite dalla società danese. I numeri delle operazioni sono top secret ma Julien Di Laura, fondatore della startup romana ci ha raccontato come è andata

Cibo a domicilio, il segreto è nei food data

La storia di Ritesh Dwivedy, genio di Just Eat India e della sua nuova creatura, Petoo, con cui incrocia precedenti scelte dei clienti e altri fattori, dal meteo al calendario, per prevedere il volume degli ordini per le consegne

Delivery Hero raccoglie 110 milioni di dollari e prepara la strategia per diventare leader delle consegne a domicilio

Dopo l’ultimo investimento milionario, il gigante tedesco delle consegne pensa alla futura IPO e a come sfondare nell’affollato mercato del food delivery

Food delivery, PizzaBo diventa HelloFood e si prepara a essere leader in Italia

Nuovi piatti, nuove città e nuovo nome. Così, dopo l’acquisizione da parte dei tedeschi di Rocket Internet, la startup bolognese ambisce a conquistare la penisola partendo da Roma

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)