Vietato sprecare il cibo: se in Francia ci pensa la politica, in Italia lo fanno le startup

Una legge obbliga i supermercati francesi a donare gli alimenti destinati ai cassonetti. E da noi? Dove manca il Parlamento arrivano le nuove imprese

La Francia obbliga i supermercati a non sprecare il cibo in scadenza o in eccedenza. E a trasformarlo in risorsa. Lo fa con una legge che impedirà alla grande distribuzione di buttare nella spazzatura cibo ancora commestibile, rendendo un obbligo donare i prodotti in eccesso alle mense e alle associazioni non-profit.

L’Assemblea nazionale francese ha approvato un provvedimento che mette spalle al muro tutti i punti vendita con una superficie superiore ai 400 metri quadri. L’obbligo è quello di stipulare convenzioni con le associazioni per la donazione di prodotti ancora commestibili. Quelli avariati, dovranno essere usati per il compostaggio agricolo o per finalità energetiche.

Slow Food bacchetta i politici italiani

L’iniziativa francese ha riscosso tanto risalto mediatico da aver ispirato due petizioni online, in Gran Bretagna e in Italia. Anche il patron di Slow Food Carlo Petrini ai microfoni di Radio 105 ha mostrato di apprezzare la legge francese bacchettando i nostri deputati: “Peccato che la politica italiana non abbia avuto l’idea della Francia, una legge contro il cibo buttato. Non è sostenibile che noi sprechiamo il 40% degli alimenti. Qui si spende più per dimagrire che per mangiare”.

Media a parte, a livello legislativo tutto tace. Tutto tranne il mondo delle startup che da tempo si muove in questa direzione. Spopolano infatti le imprese innovative che hanno ideato servizi con lo stesso obiettivo del legislatore d’oltralpe.

last-minute-sotto-casa

Le startup antispreco

A cominciare da Last minute sotto casa, piattaforma che consente ai negozi con prodotti alimentari in eccedenza o scadenza, di informare con un sms i cittadini che vivono o lavorano in zona. I clienti indicano il perimetro entro il quale accetterebbero le offerte dei negozianti disposti ad abbassare i prezzi pur di non avere prodotti invenduti a fine giornata.

Bring the food si rivolge all’industria alimentare e alla ristorazione: fa da garante tra donatori e beneficiari e autorizza le associazioni per bisognosi a recuperare il cibo. Così fanno anche Expolis dell’Associazione Ronda della carità e solidarietà onlus, e Breading, che si concentrano esclusivamente sulle panetterie. Entrambe le applicazioni, sono in fase di lancio. “I panifici non possono rivendere il pane del giorno prima, quindi lo buttano – spiega Ornella Pesenti, una delle fondatrici di Breading – Ma panettieri con eccessi e associazioni con necessità sono entità che a oggi non si parlano. Il nostro obiettivo è farle comunicare per via telematica, tornando però, nel momento dello scambio, alla stretta di mano”.

Capita a tutti di essere in partenza e aver avanzato del cibo. Cosa farne? La soluzione si chiama Ratatouille. L’applicazione per iPhone permette ai privati di condividere frutta e verdura in eccesso e che resterebbero in casa a marcire. L’app si presenta come un frigorifero virtuale, all’interno del quale sono visualizzati i prodotti che si vogliono donare. Il sistema si basa sulla geolocalizzazione: è possibile cercare su una mappa i frigoriferi più vicini a noi.

ratatouilleapp

E poi c’è MyFoody. Il sito, che per ora è in versione beta e disponibile solo a Milano, ma che entro settembre si potrà utilizzare anche in altre città, permette ai supermercati e alle catene di alimentari di caricare i prodotti in scadenza o in eccedenza a prezzi scontati. L’utente viene geolocalizzato e può cercare i punti vendita più vicini, prenotare gli alimenti e andarli a ritirare in giornata. Il sistema, oltre ad avere un obiettivo sociale, genera vantaggi economici per i distributori che non buttano più la merce e attraggono nuovi clienti e per il consumatore che risparmia e fa la spesa velocemente, anche all’ultimo momento. Presto MyFoody diventerà anche una app mobile e includerà importanti nomi della grande distribuzione organizzata.

I Food Share è una piattaforma che permette la condivisione del cibo in eccedenza. Chiunque può donare prodotti agroalimentari e metterli in condivisione per evitarne lo spreco. Possono aderire cittadini, grande distribuzione, piccoli esercenti, panificatori e aziende agricole. Per beneficiare delle ceste messe a disposizione da I Food Share è necessario registrarsi dall’apposita area. Il sistema tramite registrazione permette a donatori e beneficiari di mettersi in contatto tramite sistema di messaggistica interna e concordare le modalità di consegna/ritiro. Per richiedere le ceste basta registrarsi e avviare una ricerca per città, per controllare se vi è disponibilità di ceste alimentari nel proprio territorio. In seguito si può richiedere la cesta tramite il sistema di messaggistica interna e concordare con il donatore le modalità di consegna/ritiro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Dall’app per ridurre gli sprechi all’isolante nato dal riso. Le cinque startup di Alimenta2Talent

Agricoltura 2.0, attenzione alle diversità alimentari e narrazione legata al cibo. Questi alcuni dei temi delle startup selezionate da Alimenta2Talent. Conosciamole meglio

Il ristorante a scarto zero che combatte lo spreco alimentare

Scarti del pesce, bucce di frutta e verdura, semi e piccioli. Lo chef di Èvviva non butta via niente e racconta quanto sia facile, e gustoso, cucinare senza sprechi.

Insetti per ridurre lo spreco alimentare, premiata l’idea di una startup italiana

Produrre mangimi a partire dagli insetti e realizzare una piattaforma on line per risolvere il problema degli sprechi alimentari. Sono questi gli obiettivi dei progetti Diptera e CibiAMOci, vincitrici del concorso di Altran Italia

La startup contro lo spreco che ti fa risparmiare sulla spesa

Tutto iniziò con un’infornata di croissant che rischiavano di essere buttati. Oggi, Last Minute Sotto Casa conta più di 25mila iscritti in Italia

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era