Greenpeace e WWF si schierano con la Ferrero “No al boicottaggio della Nutella”

Tra feroci critiche e difese della crema al gianduia più amata al mondo, i gruppi di ambientalisti e animalisti spiazzano tutti e si dichiarano contrari al sabotaggio perché “inutile per l’ambiente”

L’attacco del ministro francese all’ecologia Ségolène Royal alla Nutella è cosa nota. Le relative polemiche, anche. Le sue dichiarazioni riguardo all’olio di palma presente nella crema di casa Ferrero hanno sollevato un vero e proprio polverone attorno alla salubrità di questo prodotto e alle conseguenze che la sua produzione ha sull’ambiente. “Le palme da olio hanno sostituito gli alberi, causando notevoli danni all’ambiente” ha detto Royal.

oliodi palma

Attacco all’olio di palma

In effetti, molte foreste dal Guatemala all’Indonesia sono state cancellate per far posto a piantagioni di olio di palma. Ma quello ambientale non è l’unico problema esistente con l’industria di produzione di questo olio. I suoi critici dicono che impiega bambini lavoratori , e ha una miriade di altri problemi connessi al lavoro, compreso lo sfruttamento dei salari, condizioni insicure dei lavoratori e violazioni dei diritti umani. Ma la domanda per questo prodotto non è affatto diminuita, anzi. Negli ultimi quarant’anni si è passati dai 25 milioni di tonnellate prodotte nel 1970 ai 150 milioni di tonnellate del 2010. La tendenza è dovuta sia alla crescita della popolazione mondiale e del consumo di questo olio vegetale negli alimenti e in altri prodotti, sia a una maggiore diffusione dei biocarburanti. Si parla di un volume d’affari annuale di circa 50 miliardi di dollari, anche perché il discusso olio si trova nella metà dei prodotti confezionati sugli scaffali dei negozi di alimentari degli Stati Uniti, spesso indicato come olio vegetale nelle liste degli ingredienti. E con la nuova messa al bando degli Stati Uniti dei grass trans, è probabile che la domanda aumenti ancora di più, visto che può essere usato come sostituto dei grassi vietati, stando a quanto si legge in questa relazione di Bloomberg.

In difesa delle produzioni sostenibili

Ottenere olio di palma da produzioni sostenibili è possibile, stando a quanto dicono le aziende e gruppi che si schierano a difesa del prodotto, e all’inizio di questo mese l’industria petrolifera europea Palm ha annunciato un piano per fornire il 100% di olio di palma sostenibile certificato entro il 2020. Anche singole imprese hanno sottoscritto impegni simili, con Kellogg ad esempio, dicendo nel febbraio 2014, che avrebbe comprato solo olio di palma da fornitori che operano con responsabilità ambientale. A discapito dei consumatori che pagheranno prezzi più elevati per questo tipo di prodotto, riferisce l’Independent.

E anche Nutella sembra aver fatto seri progressi nel ripulire la sua catena di approvvigionamento di olio di palma. Casa Ferrero ha detto qualche mese fa di aver raggiunto il suo obiettivo di usare solo olio di palma certificato dal Roundtable on Sustainable Palm Oil. La Tavola Rotonda sull’Olio di Palma Sostenibile è un’organizzazione multi-stakeholder, che comprende membri del settore, gruppi ambientalisti, banche e le altre parti interessate.

Greenpeace e WWF difendono Ferrero

Ed è qui che entra in gioco Greenpeace, il gruppo di pressione ambientale, che ha dichiarato a Quartz di essere fermamente contrario al boicottaggio dei prodotti contenenti olio di palma, perché “un boicottaggio di questa coltura agricola non risolverà i problemi della sua produzione”. Ferrero, sottolinea Greenpeace, è un sostenitore del Palm Oil Innovation Group, di cui fa parte la stessa Greenpeace insieme ad altre organizzazioni non governative e alcuni produttori di olio di palma, che ha “una politica ambiziosa” per migliorare la sua offerta di olio di palma.

Riteniamo Ferrero una delle aziende più progressiste e attente al cosumatore per quanto riguarda l’approvvigionamento dell’olio di palma

Anche Verité, organizzazione internazionale per il lavoro equo , che in passato ha riferito sugli abusi nel settore dell’olio di palma, dice che non c’è alcun bisogno di boicottare Nutella. “I consumatori devono essere consapevoli di quanto sia diffuso l’olio di palma e quanto possa essere distruttivo”, dice Dan Viederman, CEO do Verité. “Ma Ferrero sembra essere una delle poche aziende che hanno aderito agli standard più elevati.”

Nel novero dei difensori di Ferrero spunta anche il WWF che si dichiara contrario al boicottaggio dell’olio di palma e invita ad acquistare prodotti di aziende che usano olio di palma sostenibile proveniente da piantagioni certificate proprio come la casa produttrice della Nutella. Boicottare l’olio di palma secondo il WWF sarebbe controproducente perché da un lato eliminerebbe gli incentivi a produrre olio di palma sostenibile e dall’altro spingerebbe le aziende ad usare altri olii che hanno bisogno di più terra coltivabile.

5 Commenti a “Greenpeace e WWF si schierano con la Ferrero “No al boicottaggio della Nutella””

  1. Roxi

    Qualcuno però si ricorda che l’olio di palma viene usato perchè è quello più a basso costo e proprio per questo tra i più scadenti?

    Rispondi
  2. franco

    A spingere Ségolène Royale a dire quello che ha detto non è stato alcun sentimento ambientalista, ecologista o di egualità (di quest’ultimo i francesi stanno dando prova di assoluta mancanza proprio in questi giorni a Ventimiglia) ma semplicemente economici. L’industria agroalimentare italiana appartiene quasi del tutto proprio a corporation francesi. Ferrero è uno degli ultimi baluardi di quello che una volta era un fiorente settore dell’economia italiana. Da anni i cugini transalpini cercano di appropriarsene – il marchio Ferrero e soprattutto il nome Nutella vale milioni di euro nel mondo – e qualunque sistema gli va bene. Anche rovesciare addosso agli altri accuse che li riguardano in prima persona. In Italia c’è una grande catena GDO francese, che negli ultimi anni ha preso il posto di una italiana che negli anni Ottanta e Novanta faceva capo all’IRI. Come molti altri attori di questo settore, anche questa catena ha un suo marchio che applica a prodotti che poi vende a prezzi inferiori rispetto a quelli con il marchio dei produttori veri. Avete mai dato un’occhiata agli ingredienti degli articoli dolciari di questa catena? Roba da far venire i brividi o, visto il cao di cui stiamo parlando, olio di palma a go-go.
    Niente ecdologia, quindi, o ambinetalismo o attenzkione ai diritti dei consumatori e alla loro salute: pura e semplice ottica economica, la volontà di fagocitare un’azienda in grado, da sola, di dominare un settore.

    Rispondi
    • Roberto Gentili

      Bastardi francesi mangia rane bisogna sospendere le attività dei supermercati francesi sul suolo italiano e sequestrare le società italiane in mani francesi

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Affaire Nutella: una startup ti aiuta a scoprire se c’è olio di palma in quello che mangi

La campagna di Ségolène Royal contro la crema di casa Ferrero per le conseguenze della sua produzione ha generato polemiche attorno agli ingredienti dei prodotti che consumiamo. Ma una giovane impresa italiana ha la soluzione

Grassi trans, negli Usa fuorilegge fra tre anni

Mentre Michelle Obama si fa ambasciatrice della cucina salutista la Food and drug administration mette al bando dalle ricette dei prodotti industriali gli oli parzialmente idrogenati

No, non siamo tutti celiaci (e la bolla del gluten-free sta per esplodere)

Improvvisarsi celiaci, dalla spesa alla pizza, sta diventando una moda travolgente. Eppure meno dell’1% della popolazione è intollerante al glutine. Intanto, il mercato dei prodotti privi di quel complesso proteico va sempre più configurandosi come una bolla speculativa vicina all’esplosione

Michelle Obama, dall’orto di Washington all’Expo di Milano: la mia guerra al cibo spazzatura

La first lady americana in visita ufficiale all’Esposizione Universale per trovare nuove soluzioni al problema dell’obesità dovuto alla cattiva alimentazione

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup