Amazon distribuirà online il cibo di Eataly

Dopo le critiche degli scorsi mesi, Farinetti cede al fascino di Bezos. Così Amazon comincerà a distribuire i prodotti di Eataly a New York e Chicago. Abbiamo intervistato l’amministratore delegato di Eataly.net per farci spiegare come funzionerà

Dopo aver dichiarato, nemmeno sette mesi fa, che non ci capivano niente di cibo e aver lanciato un orto 2.0 per fargli la guerra Oscar Farinetti ha ceduto al fascino americano e ha firmato l’accordo con Amazon per distribuire il cibo del suo amato Eataly negli Stati Uniti.

11208747_10152995017163990_995892781_n

Prima di cominciare a tremare per il possibile arrivo dei furgoncini di Jeff Bezos anche in Italia, però, è bene precisare che il servizio di consegne a domicilio di prodotti eataliani avrà luogo solo a New York e Chicago si tratterà di un esperimento pilota. Il gigante dell’e-commerce, infatti, vuole testare il servizio dove si sente più sicuro ed efficiente per per replicarlo in altre realtà.

Una nuova sfida che frutterà al patron di Eataly un giro d’affari di tutto rispetto. Stando a quanto riferisce il Corriere della Sera, infatti, gli esperti americani sostengono che il business potrebbe arrivare poco sotto i 100 milioni di dollari entro la fine del 2016.

L’accordo, che è stato definito nella tarda serata di ieri, porta la firma di Nicola Farinetti, figlio del patron di Eataly, che guida il gruppo nel Nord america e riguarda eataly.net. Per capire qualcosa di più su questa collaborazione abbiamo sentito Andrea Casalini, amministratore delegato di eataly.net:

Come funzionerà il servizio?

L’esperimento riguarderà Prime Now, il servizio di Amazon che consente di consegnare in grande rapidità i prodotti richiesti dai clienti

Alla fine avete deciso di collaborare con Bezos, perché?

Si tratta di una delle sperimentazioni possibili. Il marchio è importante e funziona benissimo.

Diciamo che Farinetti ha cambiato idea rispetto a quando diceva che non capivano niente di cibo?

No, non ha cambiato idea. Questo accordo mette insieme il loro punto di forza con il nostro che è la comprensione del cibo. Tutta la parte di cultura del cibo rimane interamente nostra. La questione è strategicamente rilevante nell’ottica di Eataly.net, per capire se questa suddivisione dei ruoli può proseguire.

E cosa dice a chi teme l’arrivo dei camioncini di Amazon anche in Italia?

Il mercato italiano e quello americano sono molto diversi. Questo esperimento è solo a New York e Chicago. E si ferma lì.

Ti potrebbe interessare anche

Oscar Farinetti: “Basta polemiche su Expo, il cibo è il nostro tesoro”

Ai margini di GEC2015 il patron di Eataly dice la sua su Expo, vendita online di prodotti alimentari e il suo nuovo e-commerce di frutta e verdura fresche

Vino online? No grazie, siamo italiani

L’Italia è il secondo produttore di vino al mondo un giro d’affari di 14,6 miliardi di euro ma resta ultima negli acquisti online.

La tecnologia che esalta il gusto

Rivoluzionare il mondo del cibo attraverso l’innovazione tecnologica, presenza discreta ma decisiva per poter mostrare al mondo di che pasta siamo fatti

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)