La guerra del food delivery continua: Just Eat compra due startup italiane

Clicca e mangia a Milano e DeliveRex a Roma, queste le startup acquisite dalla società danese. I numeri delle operazioni sono top secret ma Julien Di Laura, fondatore della startup romana ci ha raccontato come è andata

A pochi giorni dalla notizia del nuovo finanziamento milionario per Delivery Hero, un’altra big delle consegne a domicilio fa la sua mossa e scende prepotentemente in campo acquisendo due startup italiane. L’intenzione di Just Eat c’è quella di ampliarsi e di raggiungere sempre più utenti a Milano e Roma, due città chiave per il food delivery in Italia.

just eat

La scelta del gruppo danese che è già presente in 13 Paesi nel mondo e in 120 comuni italiani non poteva che cadere su Clicca e Mangia a Milano e DeliveRex a Roma, due startup nate rispettivamente nel 2009 e nel 2012 che vantano un buon numero di utenti registrati. “Si tratta di due realtà fortemente in crescita nell’ambito della ristorazione a domicilio online che si integrano perfettamente alla nostra offerta in Italia. Questo si traduce in un numero maggiore di ristoranti, una più ampia scelta di cucine disponibili e molti più clienti attivi nell’ordinazione di cibo a domicilio nelle più importanti città del Paese – commenta David Buttress, Ceo di Just Eat -. Queste acquisizioni si inseriscono nell strategia volta a costruire una solida posizione nei mercati in cui operiamo nell’ottica di mantenere la leadership di mercato ovunque operiamo”.

cliccaemangia

Deliverex: “Ecco come è andata con Just Eat”

I numeri delle acquisizioni sono top secret e visto che da Londra non si sbilanciano abbiamo provato a sentire una delle startup interessate, Deliverex, il cui founder Julien Di Laura ci racconta come è nata la loro collaborazione con Just Eat “A maggio 2012 ho avviato questa attività. Io venivo da altro percorso di consulenza in ambito finanziario e viaggiando ho visto questi servizi di food delivery negli altri Paesi, mi sono preso 6 mesi di pausa e ho deciso di tentare di portare questo servizio in Italia. Appena iniziato abbiamo subito avuto un primo contatto con Just Eat nel quale abbiamo collaborato peri  ristoranti di fascia medio-alta, ho conosciuto team di Just Eat e l’anno scorso abbiamo ripreso contatti e abbiamo iniziato a parlare di unire le forze”. Unire le forze è un eufemismo visto che si tratta di un’acquisizione totale.

deliverex

“E’ vero – commenta di Laura – ma dall’acquisizione di PizzaBo da parte di Rocket Internet il mercato è esploso e tutti principali operatori hanno iniziato a guardare con interesse al settore del food delivery. In particolare di quello premium che offre anche logistica, oltre che la visibilità si ristoranti sul sito”. Certo, perché mentre nel Nord Europa il concetto food delivery è esteso a tutta la ristorazione, in Italia i grandi player hanno trovato un tessuto di pizzerie e kebabberie mentre a mancare era la fascia medio-alta “ed è proprio quello che Just Eat ha trovato in noi”. Quindi una scelta di diversificazione del servizio, oltre che di espansione geografica perché se è vero che a Milano ci sono vari operatori, su Roma la scelta di DeliveRex era quasi obbligata. “Come ci si sente ad aver venduto la propria startup? – conclude di Laura – C’è una grande soddisfazione nell’aver attirato l’attenzione di un player così grande, non mi dispiace averla venduta perché da solo non potevo fare salto di qualità, avevo bisogno di una spinta”. Spinta che di sicuro è arrivata; ora non resta che aspettare e vedere quali saranno le sorti di DeliveRex e Clicca e Mangia, se verranno inglobate nel gruppo o cambieranno nome come successo a PizzaBo.

Quello che è certo è che ormai nel settore del food delivery è guerra aperta, chi tra i grandi in gioco saprà prevalere sugli altri e diventare leader delle consegne a domicilio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Delivery Hero raccoglie 110 milioni di dollari e prepara la strategia per diventare leader delle consegne a domicilio

Dopo l’ultimo investimento milionario, il gigante tedesco delle consegne pensa alla futura IPO e a come sfondare nell’affollato mercato del food delivery

Food delivery, PizzaBo diventa HelloFood e si prepara a essere leader in Italia

Nuovi piatti, nuove città e nuovo nome. Così, dopo l’acquisizione da parte dei tedeschi di Rocket Internet, la startup bolognese ambisce a conquistare la penisola partendo da Roma

Le sei tendenze food che Expo non può ignorare

Dal caviale verde all’acquaponica: abbiamo raccolto le tendenze food più interessanti presenti a Seeds&Chips, quelle da tenere d’occhio per capire come cambierà nei prossimi anni il modo in cui mangeremo

Il Made in Italy del gusto di PrimoTaglio arriva in bicicletta

PrimoTaglio raccoglie, insieme a Pony Zero, la sfida della sostenibilità ambientale. A Milano, da oggi, i Messaggeri del Gusto consegneranno la spesa in città…pedalando

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore