Da Vinitaly a Seeds&Chips, tutti gli eventi food di marzo

Sono tanti gli appuntamenti in vista di Expo2015. Tra questi Ambrosetti, Il Food Innovation Program e lo Street Food Truck di Roma

A poco più di un mese dall’inizio di Expo2015 è tutto un fiorire di eventi dedicati a cibo e alimentazione. Dopo aver scelto i 10 eventi food da non perdere del 2015 vi proponiamo una selezione degli appuntamenti di Marzo che dovete seguite per arrivare preparati all’Esposizione Universale di Milano.

FIPevento

Food Innovation Program On the road (17 marzo, Reggio Emilia)

A Reggio Emilia lunedì 9 marzo è iniziato il Food Innovation Program e per seguire la sua missione di contaminazione e scambio con il territorio ha lanciato il progetto “On The Road”. L’evento dal titolo FOOD IS A CONVERSATION sarà un incontro aperto nel quale gli ospiti condivideranno con imprenditori, ricercatori, innovatori e makers e stakeholders le loro esperienze internazionali e illustreranno gli scenari futuri. Ospite di questo primo appuntamento il Professor Claude Fischler, membro dell’Agenzia francese per la sicurezza alimentare e autore di numerose pubblicazioni sul tema dell’alimentazione. Qui il link per partecipare.

AmbrosettiForumAmbrosetti Technology Forum Preview (Castelbrando, 20 marzo)

“Cosa accade quando la tecnologia incontra il cibo” sarà uno dei temi alla base del prossimo Technology Forum 2015 (che si terrà a Milano dal 22 al 23 maggio). I membri del Club Ambrosetti potranno approfondire questo argomento in anteprima nel corso di questo workshop a CastelBrando al quale parteciperanno Eyal Shimoni, Vice Presidente e Cto di Strauss Group, primo gruppo israeliano del Food&Beverage, Presidente e Amministratore delegato di Whirlpool R&D e Vice Presidente di Whirlpool Corporation R&D e 12 startup foodtech selezionate dal team i Ambrosetti. Un evento da seguire con attenzione sui social per intercettare le nuove tendenze in fatto di innovazione e cibo.

VinitalyVinitaly (Verona, 22-25 marzo)

L’evento è ormai un punto di riferimento a livello mondiale per il settore enologico e non ha bisogno di presentazione anche perché la formula, di successo, è la stessa da anni. La novità di quest’anno è che verrà presentato ufficialmente “A Taste of Italy” il padiglione da 91mila metri quadri interamente dedicato al vino che sarà presente all’interno di Expo.

seedsandchipsSeeds&Chips (Milano, 26-29 marzo)

Quattro giorni interamente dedicati a cibo e tecnologia durante i quali si potranno sentir parlare i guru dell’alimentazione e vedere tutti gli ultimi ritrovati in fatto di innovazione alimentare e startup foodtech. Due giorni solo per gli addetti ai lavori e altri due aperti al pubblico, a entrata libera, in cui si potranno ascoltare conferenze, testare nuovi prodotti e gustarsi un anticipo di Expo.

StreeatFoodFestivalStreeat Food Festival (Roma, 27-29 marzo)

L’evento itinerante dedicato al cibo di strada comincia il suo tour da Roma alla Città dell’Altra Economia. Tra i camioncini più classici nei quali porchetta, lampredotto, hamburger e interiora la fanno da padroni l’organizzazione promette interessanti alternative pensate per vegetariani e vegani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking, due milioni di euro a 7 startup del turismo sostenibile

Alla call hanno partecipato quasi 700 startup provenienti da 102 Paesi. Il finanziamento più importante a Backstreet Academy che ha ottenuto 400K. L’obiettivo era individuare società in grado di trovare soluzioni nel settore del turismo globale, in particolare sotto il profilo della protezione dell’ambiente

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito